News, topics and stories

Esattamente 25 anni fa, il 23 febbraio 1996, usciva al cinema Trainspotting, film diretta da un ancora giovane Danny Boyle, tratto dal romanzo di Irvine Welsh. Il film venne aspramente criticato per la leggerezza e l’ironia con cui tratta un argomento così delicato, venendo definito addirittura amorale. Ma ancora non si sapeva che il film da lì a pochi anni sarebbe diventato un cult della storia del cinema e pellicola simbolo degli anni ‘90. Tra il pubblico ebbe un successo pazzesco e riuscì ad ottenere la considerazione da parte di molte accademie cinematografiche vincendo addirittura una nomination agli Oscar. In occasione del suo 25° compleanno vi proponiamo 5 interessanti curiosità che probabilmente ancora non sapete su Trainspotting.

Ewan McGregor e il peggior bagno di tutta la Scozia

Si tratta indubbiamente della scena più iconica di tutto il film, la fantastica scena del bagno più lercio di tutta la Scozia, in cui il protagonista Mark Renton, impersonato da Ewan McGregor che per la parte perse 12 chili, in preda ad una crisi di astinenza, si tuffa all’interno del water. Per dare l'effetto del peggior bagno pubblico venne usato un prodotto in particolare ovvero il cioccolato, la toilette venne interamente cosparsa da cioccolato.

Il rifiuto degli Oasis per la colonna sonora

La musica ha un ruolo particolare in tutto il film pur non essendo il tema centrale della pellicola. Trainspotting ha infatti l’evidente pregio di avere una delle più varie e alternative colonne sonore di tutto il cinema anni ‘90, un vero e proprio spaccato della cultura attraverso big della musica rock e alternative wave. Geni della musica come Iggy Pop, Lou Reed, gli Underworld, ma gli Oasis?. Il gruppo musicale britannico era stato scelto dal regista per far parte della colonna sonora del film ma rifiutarono di prendere parte alla realizzazione proprio per i temi trattati da Danny Boyle. Il regista pur essendo un grande amico del frontman Noel Gallagher non riuscì a convincerlo e prese in alternativa il gruppo rivale: i Blur. Solo 20 anni dopo l’uscita del film Noel Gallagher affermò:

Trainspotting? Un film sulla ricerca dei treni? Ero tipo, "Nah, stai bene amico" Non sapevo che sarebbe diventato uno dei più grandi film britannici di tutti i tempi.

Tra Edimburgo, Londra e Glasgow

Il film è ambientato per larga parte a Edimburgo ma quasi tutte le scene in realtà vennero girate a Glasgow per comodità, tranne la scena di apertura effettivamente girata a Edimburgo e la scena finale girata a Londra.

La protesi del braccio

Per le scene più crude del film, in cui i protagonisti si iniettano eroina, il regista ha fatto prendere agli attori delle vere e proprie lezioni per imitare perfettamente il comportamenti e la postura di ex-tossici. inoltre per i primi piani in cui il protagonista fa uso di eroina è stata costruita una protesi perfettamente credibile di un braccio umano con tanto di vene pulsanti e sacche di sangue.

I riferimenti ai Beatles

Il film è pieno zeppo di riferimenti ai Beatles. Ad esempio la scena in cui i detective inseguono Renton per strada è un chiaro riferimento alla scena notturna di “A Hard Day’s Night” (1964), dove i Beatles vengono seguiti dai fans. In un'altra scena i quattro personaggi attraversano la strada per andare in hotel un forte richiamo all’iconica scena dell’attraversamento pedonale di Abbey Road. Infine, la scena in cui Renton si sveglia sul divano a casa di Diane e saluta una persona che passa nel corridoio, mentre si copre il mento con una coperta, ricorda una scena di “Help!”(1965), in cui Ringo si trova in un bagagliaio di una macchina.