News, topics and stories

Dopo intense giornate di discussione tra le forze del Governo e gli enti locali, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato l’ennesimo Dpcm. Le misure introdotte nel nuovo decreto entreranno in vigore domani, 5 novembre.

Le principali novità a livello nazionale prevedono:

· Introduzione del coprifuoco: dalle ore 22 alle 5 sarà consentito uscire, compilando l’autocertificazione, solo per “comprovate esigenze” di salute e lavoro.

· Chiusura di mostre e musei

· Negozi nei centri commerciali: chiusura nei weekend (giorni festivi e prefestivi), escluse farmacie, alimentari, tabaccherie ed edicole.

· Trasporti pubblici: capienza massima limitata al 50%

· DAD Scuola: la didattica a distanza è fissata al 100% per Università e scuole superiori

· Sospesi i concorsi e le procedure di abilitazione professionale, fatta eccezione per quelli rivolti al personale sanitario

Altra importante novità è la divisione delle regioni in tre differenti fasce di rischio, sulla base dell'indice di trasmissibilità Rt e di altri 21 criteri. Nelle zone che verranno etichettate come “rosse” ci sarà una sorta di lockdown regionale (molto simile a quello vissuto lo scorso marzo). Nelle zone “arancioni” resteranno sospesi i servizi di ristorazione, ci sarà il divieto di spostamento in entrata e in uscita dalla Regione, oltre al divieto di circolazione in un Comune differente da quello di residenza. Più libertà nelle zone “verdi”, dove la situazione contagi è attualmente più contenuta.