News, topics and stories

Nella serata di ieri si è tenuta l’attesissima cerimonia di premiazioni dei Golden Globes di quest’anno. Una serata spettacolare ricca di sorprese ma anche di grandi conferme.

Laura Pausini

Laura Pausini si conferma infatti come vincitrice della Miglior Canzone Originale, intitolata Io sì (Seen) realizzata per il film di Edoardo Ponti, La vita davanti a sé. Laura urla dalla gioia in diretta Instagram e scrive su Facebook:

Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere. Grazie mille alla Hollywood Foreign Press Association

I vincitori

Trionfa Nomadland come Migliori Film Drammatico, che non si accontenta del Leone d'Oro di Venezia e neanche di un solo Globe e infatti viene premiato anche come migliore regia, della regista Chloé Zhaoò. Nomadland è la storia di Fern (Frances McDormand), recente vedova, licenziata dal lavoro in una grande fabbrica, che sceglie di vivere in maniera itinerante in un furgoncino sfiorando la vita di un uomo che la corteggia.

Doppio premio anche per Borat 2 Subsequent Moviefilm, il secondo capitolo del giornalista kazako, interpretato da Sacha Baron Cohen che vince il Globe come Miglior Attore di Commedia/Musical. Mentre il Miglior Attore di Film Drammatico è l’afroamericano Daniel Kaluuya per Judas and the Black Messiah, che racconta la storia di Fred Hampton, leader delle Black Panther, tradito da un infiltrato agente dell’FBI. Sul piccolo schermo fa incetta di Golden Globe l'intramontabile serie The Crown: miglior serie drammatica, miglior attrice (Emma Corrin/Lady D.), attore (Josh O’Connor/principe Carlo) e miglior attrice non protagonista (Gillian Anderson nei panni di Margareth Thatcher).