News, topics and stories

Alla vigilia dei suoi 135 anni di vita Coca-Cola introduce sul mercato italiano delle nuove bottigliette realizzate con il 100% di plastica riciclata (rPET), che saranno utilizzate anche per gli altri marchi della multinazionale, come Fanta, Sprite e FuzeTea. Si tratta di 150 milioni di confezioni nel 2021 realizzate completamente in plastica riciclata: un triplo incremento nei quantitativi di rPET utilizzato rispetto allo scorso anno.

Cristina Camilli, Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali Coca-Cola Italia ha dichiarato:

I nostri packaging sono già tutti 100% riciclabili e con questa nuova bottiglia faremo un ulteriore passo per rendere sempre più concreto il concetto di economia circolare e invitare a riciclare correttamente, affinché nessuna bottiglia venga sprecata e possa tornare a nuova vita.

Il gruppo Coca-Cola Italia aveva già adottato anche in passato soluzioni nel rispetto dell'ambiente riducendo la materia prima negli imballaggi in vetro, alluminio e plastica. Recentemente ha anche introdotto KeelClip™, un sistema in carta 100% riciclabile che elimina completamente l’involucro in plastica dalle confezioni multiple di lattine, con un risparmio di 450 tonnellate di plastica all’anno. Infine, dopo Fanta, verrà rimosso il colore anche dalle bottiglie di Sprite.

Chissà se il Dr. John Stith Pemberton, inventore della Coca-Cola nel 1886 si sarebbe aspettato di avere un così grande successo e soprattutto così duraturo nel tempo. Quando il Dr. Pemberton, di professione farmacista, ne mise a punto la formula, la Coca-Cola non era quella che è oggi possiamo degustare. Essa infatti era uno sciroppo che veniva diluito con acqua gassata ottenendo una bevanda deliziosa e rinfrescante. Inizialmente venne messa in vendita a cinque centesimi al bicchiere come bevanda da asporto e nel primo anno, si vendettero in media appena nove bicchieri al giorno, oggi invece, vengono consumati migliaia di litri ogni giorno in tutto il mondo.