News, topics and stories

Oggi 21 Aprile Roma compie 2774 anni: tra tradizioni e restrizioni, una giornata ricca di eventi che, come l’anno scorso, si svolgeranno quasi esclusivamente in streaming a causa dell'emergenza sanitaria in corso.

Un tuffo nel passato

Il Natale di Roma è la celebrazione della fondazione della Città eterna, avvenuta – come riporta l’antico letterato latino Varrone, sulla base dei calcoli effettuati dal celebre astrologo, fisico e matematico Lucio Taruzio – il 21 aprile 753 avanti Cristo; sono dunque passati esattamente 2774 anni dalla nascita della Capitale. Anche nella "Historiae romanae ad M. Vinicium libri duo" di Marco Velleio Patercolo si legge: "Roma fu fondata il 21 aprile sul Colle Palatino nell’anno della sesta Olimpiade”. Anche se la data è simbolica, e in passato alcuni storici hanno indicato altre possibili date, si è preferito restare sul 21 aprile, giornata che sembrava mettere d’accordo la maggior parte degli studiosi.

Durante l’epoca imperiale si cominciò a far partire la cronologia romana con la locuzione Ab Urbe condita, che appunto significa "dalla fondazione della città", partendo proprio da questo giorno. Anche perché, il 21 aprile, si svolgeva la Parilia, un’antichissima e importante festa pastorale della religione romana, che si celebrava per purificare le greggi e i pastori. I festeggiamenti erano in onore del numen Pale, a volte descritto come semplice genio, a volte come divinità femminile.

Appuntamenti in programma per la giornata del 21 aprile

La versione virtuale delle celebrazioni si è aperta questa mattina con la tradizionale deposizione di una corona di alloro della Sindaca di Roma Virginia Raggi all’Altare della Patria in Piazza Venezia e continuerà con la celebrazione della Santa Messa da parte del Cardinale Angelo De Donatis Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma alla Basilica dell’Ara Coeli.

Virginia Raggi a seguito presenterà la Medaglia celebrativa del 2774° Natale di Roma realizzata dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, il vincitore del Premio Cultori di Roma e il vincitore del Premio Certamen Capitolinum, parallelamente alla consegna della prima copia dell’edizione 2021 della Strenna dei Romanisti. Nel rispetto delle disposizioni delle autorità sanitarie non è previsto che un pubblico assista in presenza all’evento.

I festeggiamenti non si limitano ad oggi: a celebrare la Capitale il 21 aprile sarà il Roseto Comunale che approfitta di questa importante data per riaprire le porte al pubblico, seppur con regole rigide, nel pieno rispetto delle normative anti-covid. Il programma sarà arricchito da speciali visite guidate ed escursioni per adulti e bambini; per questi ultimi anche divertenti cacce al tesoro, sulle tracce degli antichi romani.

Inoltre, a partire dal giorno del Natale di Roma e per alcuni mesi, tutti i giorni dalle ore 21 in poi un suggestivo video mapping animerà con luci e colori la facciata dell’edificio situato sul lato nord della piazza che si affaccia su due dei monumenti più iconici di Roma, l’Ara Pacis e il Mausoleo di Augusto. La facciata di Palazzo Senatorio in Piazza del Campidoglio sarà illuminata da una sequenza di immagini ispirate al senso di “romanità” e declinato in base alla connotazione che ha assunto nelle varie epoche della sua storia. Un progetto di illuminazione architetturale accenderà anche due fontane paoline – la Fontana dell’acqua Paola di piazza Trilussa e il Fontanone del Gianicolo e il palazzo di Bulgari in Piazza Augusto Imperiale. Inoltre ci sarà anche il racconto sonoro “Roma Regina aquarum”, curato da Elisa Rocca.

Dalle 17 il Gruppo Storico Romano, proporrà sui propri canali social la rappresentazione della tradizionale “Accensione del fuoco sacro”.